Lirica International di Franco Silvestri

D’Agostini Alessandro

D’Agostini Alessandro - Direttore d'orchestra
Sito:
http://www.alessandrodagostini.com
Condividi il Profilo con gli amici
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Italian Flag

Alessandro d’Agostini ha cominciato gli studi musicali all’età di cinque anni. Dopo il diploma in pianoforte, direzione d’orchestra, composizione e computer music, si è perfezionato con Giorgio Nottoli (composizione per computer music) all’Accademia Chigiana di Siena e con Konstantin Bogino, Trio Čaikovskij (pianoforte e musica da camera). Per la direzione d’orchestra, è stato allievo di Piero Bellugi e Massimo de Bernart, del quale è stato l’ultimo assistente.

Nel 2002 ha debuttato in ambito operistico nel Guglielmo Tell di Rossini (produzione “As.Li.Co.”, Milano) nei Teatri del Circuito Lombardo e presso il Teatro Comunale di Bologna. Negli anni seguenti, ha diretto altre produzioni “As.Li.Co.” come Orfeo e Euridice di Gluck, L’Elisir d’amore di Donizetti e Madama Butterfly di Puccini.

Nel 2003 ha diretto l’Orchestra Sinfonica della Fondazione “Toscanini” di Parma nella prima esecuzione moderna della “commedia per musica” Lo Matremmonio annascuso di Leonardo Leo su propria edizione critica. All’attività direttoriale affianca infatti quella della ricerca musicale, in particolare sull’opera del XVIII secolo: ricordiamo le sue edizioni critiche e prime esecuzioni moderne dell’Ifigenia in Aulide di Cherubini e de L’Olimpiade di Leo.

Nel 2004 ha diretto l’Orchestra Filarmonia Veneta “G.F.Malipiero” nel Rigoletto verdiano al Teatro Fraschini di Pavia e ha debuttato con Il Trovatore al Macerata Opera-Sferisterio e al Teatro Lirico di Cagliari.

Nel 2006 ha diretto il Falstaff di Verdi al Teatro “Verdi” di Busseto con grande successo personale. Ha diretto inoltre L’Arlesiana di Cilea nell’ambito del SassuoloMusicaFestival, al Teatro delle Celebrazioni di Bologna e al Teatro Sociale di Mantova. Ha diretto l’Aida nel Teatro Nazionale di Tirana, in Albania, dove è tornato per dirigere l’Otello verdiano, sempre con grande successo.

Negli anni successivi, si ricordano i debutti al Teatro Comunale di Bologna (L’Olimpiade di Leo); al Teatro dell’Opera di Roma nella Stagione estiva alle Terme di Caracalla, con Giselle di Adam su coreografia di Carla Fracci; una nuova produzione di Rigoletto (con Jessica Pratt come Gilda, Festival Como-Città della Musica) e di Figlia del Reggimento di Donizetti nel Circuito Lombardo (con Yolanda Auyanet e Gianluca Terranova). Tutte queste esecuzioni sono state salutate da entusiastici successi sia da parte del pubblico sia della critica.

Nel 2010 Alessandro d’Agostini ha debuttato con L’Elisir d’amore nel Teatro Lirico di Cagliari; in questo Teatro è tornato nuovamente per Tosca (2015) e per numerosi concerti sinfonici (l’ultimo, nella Stagione Sinfonica 2016 con musiche di Ravel e Brahms). Sempre nel 2010, ha debuttato con grande successo al Maggio Musicale Fiorentino dirigendo Il Barbiere di Siviglia di Rossini.

Nell’ambito sinfonico, ha diretto l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, l’Orchestra Sinfonica della Fondazione “Toscanini” di Parma, la Filarmonica “Toscanini”, l’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, “I Pomeriggi Musicali” di Milano, l’Orchestra Filarmonia Veneta “G.F.Malipiero”, l’Orchestra Filarmonica Italiana, la Makedonska Filharmonija, la Russian Philharmonic Orchestra, la St.Petersburg Academic Philharmonic Orchestra e la State Symphony Orchestra “Novaya Rossiya”. Possiamo ricordare il ciclo completo delle Sinfonie di Beethoven, eseguito a Firenze, a Palazzo Pitti, nel 2000-2001, le esecuzioni degli oratori di Haydn Die Schöpfung (Firenze, Palazzo Pitti, 1999) e Die sieben letzten Worte unseres Erlösers am Kreuze (Busseto, 2005), come anche l’ultima opera di Alfredo Casella, la Missa Solemnis “pro pace” (Sassuolo e Vigoleno, 2005), di rarissima esecuzione.

Dal 2011 al 2013 è stato Direttore Ospite Principale nella Makedonska Opera i Balet (Teatro Nazionale d’Opera della Repubblica di Macedonia): qui ha diretto fortunate produzioni di Tosca, Turandot, Attila, Aida (con Vladimir Galouzine come Radames), Lucia di Lammermoor, Il Barbiere di Siviglia, La Traviata (con Irina Lungu come protagonista). Nel 2012 ha debuttato all’Auditorium di Tenerife in Die Zauberflöte di Mozart.

Negli ultimi anni è stato regolarmente invitato al Maggio Musicale Fiorentino per dirigere diverse produzioni operistiche e di balletto come Giselle di Adam, Fra’ Diavolo di Auber, Fidelio di Beethoven, L’Elisir d’amore (2016, con Laura Giordano e Juan Francisco Gatell), Il Barbiere di Siviglia e La Cenerentola di Rossini, e programmi sinfonici.

Nel 2016 ha diretto la prima esecuzione assoluta dell’opera Notte per me luminosa di Marco Betta, al Teatro “Pavarotti” di Modena e al Teatro Chiabrera di Savona.

Viene spesso invitato come direttore ospite in Russia, dove si è esibito alla guida della State Symphony Orchestra “Novaya Rossiya”, della Moscow City Symphonic Orchestra e della St.Petersburg Academic Philharmonic Orchestra. Tra le tante, ricordiamo le esecuzioni, salutate da grande successo, dei Carmina Burana di Orff e dei Quadri di un’esposizione di Musorgskij nella Sala Grande del Conservatorio di Mosca, e diversi fortunati concerti che lo hanno visto protagonista presso l’International House of Music o nella Cattedrale di Mosca.

Negli ultimi anni, si ricorda il debutto al Teatro Massimo di Palermo nell’Elisir d’amore di Donizetti (2018, con Laura Giordano e Arturo Chacòn); l’inaugurazione dei Teatri d’Opera di Jinan e Zibo, in Cina, con il Don Giovanni mozartiano; Cavalleria rusticana nella Fortezza del Priamar, a Savona, alla guida dell’Orchestra e del Coro del Teatro Carlo Felice di Genova; Il Barbiere di Siviglia al Teatro Regio di Parma; La Sonnambula di Bellini al Teatro delle Muse di Ancona; La Traviata al Teatro Comunale “Pavarotti” di Modena (2020); il debutto nella Stagione Sinfonica 2020 della Fondazione Arena di Verona (Teatro Filarmonico).

Nel giugno 2019 è stato chiamato a sostituire Daniel Oren al Teatro Massimo di Palermo in Pagliacci di Leoncavallo, ottenendo un altro enorme successo personale.

uk flag

Alessandro d’Agostini, one of the most outstanding Italian conductors of his generation, was born in 1974 and started his musical studies at five. After graduating in piano, conducting and composition as well in computer music, he studied with Giorgio Nottoli (composition for computer music) at Accademia Chigiana, Siena, and with Kostantin Bogino, Tchaikovsky Trio (piano and chamber music). He specialised subsequently in conducting under Piero Bellugi and Massimo de Bernart.

In 2002 he made his operatic debut in Rossini’s Guglielmo Tell (production “As.Li.Co.”, Milan) at Teatro Comunale – Bologna and at the Opera Houses of the Circuito Lombardo. In the following years, he conducts as well other “As.Li.Co.” productions: Gluck’s Orfeo e Euridice, Donizetti’s Elisir d’Amore and Puccini’s Madama Butterfly.

In 2003 he led the Symphonic Orchestra of the “Toscanini” Foundation, Parma in the first modern performance of the “commedia per musica” Lo Matremmonio annascuso by Leonardo Leo on his own critical edition. As a matter of fact, he often combines his conducting activity with musical research, especially in the field of XVIII century opera: we might mention his critical editions and first modern performances of Luigi Cherubini’s Ifigenia in Aulide and Leonardo Leo’s L’Olimpiade.

In 2004 he led the Orchestra Filarmonia Veneta “G.F.Malipiero” in Verdi’s Rigoletto at Teatro Fraschini, Pavia, and made his debut with Il Trovatore at Macerata Opera-Sferisterio and at Teatro Lirico, Cagliari.

In 2006, he conducted Verdi’s Falstaff at Teatro “Verdi”, Busseto, with a big personal success. He conducted as well Cilea’s L’Arlesiana at the SassuoloMusicaFestival, at Teatro delle Celebrazioni, Bologna, and at Teatro Sociale, Mantova. He conducted Verdi’s Aida at the National Theatre of Tirana, Albania; in the same Theatre, he conducted as well Verdi’s Otello, with huge personal success.

In the next years he debuted at Teatro Comunale, Bologna (Leonardo Leo’s L’Olimpiade); at Teatro dell’Opera in Rome in the Summer Season at Terme di Caracalla, conducting Adam’s Giselle, with the choreography by Carla Fracci; he conducted a new performance of Rigoletto (with Jessica Pratt as Gilda) at Como-Città della Musica Festival and of Donizetti’s La Figlia del Reggimento in the Theatres of the Circuito Lombardo (with Yolanda Auyanet and Gianluca Terranova). All these performances were greeted by enthusiastic success from both the public and critics.

In 2010 Mr. d’Agostini conducted L’Elisir d’amore at Teatro Lirico, Cagliari; in this Opera House he came back again for conducting Puccini’s Tosca (2015) and several symphonic performances (the last one, in the Symphonic Season 2016, with music by Ravel and Brahms). In the same year he made his successful debut at Maggio Musicale Fiorentino, Florence, conducting Rossini’s Il Barbiere di Siviglia.

In the field of symphonic music, he led such orchestras as Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino-Florence, Symphonic Orchestra of the “Toscanini” Foundation-Parma, “Toscanini” Philharmonic Orchestra, Orchestra of Teatro Lirico-Cagliari, “I Pomeriggi Musicali” Orchestra, Orchestra Filarmonia Veneta “G.F.Malipiero”, Italian Philharmonic Orchestra, Macedonian Philharmonic Orchestra, Russian Philharmonic Orchestra, the Saint Petersburg Academic Philharmonic Orchestra and the State Symphony Orchestra “Novaya Rossiya”. We might mention the complete cycle of Beethoven’s Symphonies (Firenze, Palazzo Pitti, 2000-2001), the performances of Haydn’s Oratorios Die Schöpfung (Firenze, Palazzo Pitti, 1999) and Die sieben letzten Worte unseres Erlösers am Kreuze (Busseto, 2005), as well as the rarely performed last work by Alfredo Casella, Missa Solemnis “pro pace” (Sassuolo and Vigoleno, 2005).

From 2011 to 2013 he was appointed as Principal Guest Conductor at the Macedonian Opera and Ballet: in this Opera House he conducted Tosca, Turandot, Attila, Aida (with Vladimir Galouzine as Radames), Lucia di Lammermoor, Il Barbiere di Siviglia, La Traviata (with Irina Lungu in the title role). In 2012 he debuted at Auditorium de Tenerife in Mozart’s Die Zauberflöte.

In the last years he has been regularly invited at Maggio Musicale Fiorentino for several opera and ballet productions: Adam’s Giselle, Auber’s Fra’ Diavolo, Beethoven’s Fidelio, Donizetti’s L’Elisir d’amore (2016, with Laura Giordano and Juan Francisco Gatell), Rossini’s Il Berbiere di Siviglia and La Cenerentola; and for symphonic performances.

In 2016 he conducted the “première” of the opera Notte per me luminosa by Marco Betta, at Teatro “Pavarotti”, Modena, and Teatro Chiabrera, Savona.

He is often invited as guest conductor in Russia, conducting concerts with the State Symphony Orchestra “Novaya Rossiya”, the Moscow City Symphonic Orchestra and the Saint Petersburg Academic Philharmonic Orchestra. We remember, among other, the successful performances of Orff’s Carmina Burana and Mussorgsky’s Picture at an Exhibition at Grand Hall of Moscow Conservatory and many symphonic concerts given at the International House of Music, Moscow, or in Moscow Cathedral.

Last major events of Mr. d’Agostini’s career include his debut at Teatro Massimo, Palermo, in Donizetti’s L’Elisir d’amore (2018, with Laura Giordano and Arturo Chacòn); the performance of Mozart’s Don Giovanni in the new Opera Houses of Jinan and Zibo, China; Rossini’s Il Barbiere di Siviglia at Teatro Regio, Parma; Mascagni’s Cavalleria Rusticana at Priamar Fortress, Savona, with the Orchestra and Chorus of Teatro Carlo Felice, Genoa; Bellini’s La Sonnambula at Teatro delle Muse, Ancona; Verdi’s La Traviata at Teatro Comunale “Pavarotti”, Modena (2020); his debut in the 2020 Symphonic Season of the Arena di Verona Foundation (at Teatro Filarmonico, Verona).

In June 2019, he replaced Daniel Oren conducting Leoncavallo’s Pagliacci at Teatro Massimo, Palermo, and gained another huge personal success.