Lirica International di Franco Silvestri

Hois Amélie

Amélie Hois - soprano
Condividi il Profilo con gli amici
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Italian Flag

Vincitrice del terzo premio e del premio del pubblico al Concorso Internazionale Nico Dostal 2018 a Vienna e finalista del Concorso "Future Voices" 2020 con Elina Garanca e Karel Mark Chichon.  Amélie si è laureata alla MDW (Music University Vienna) nel 2013 come contrabbassista e al Mozarteum Salzburg nel 2018, dove ha studiato con Michele Crider, come cantante e attrice. Ha iniziato a cantare in giovane età nel Coro di voci bianche della Wiener Staatsoper, dove si è già esibita come solista e ha cantato, tra gli altri, il Pastorello nella "Tosca" di Puccini. Il suo primo ruolo in assoluto è stato nel 2011 come Rowan in "The little Sweep" di Benjamin Britten nella "Tenda dei bambini" della Wiener Staatsoper. Nel 2013, Amélie ha fatto il suo debutto operistico come Bastienne in "Bastien und Bastienne" di Mozart. Nel 2014, a solo 19 anni, ha cantato il ruolo di Gretel in "Hänsel und Gretel" di Humperdinck al Miami Summer Music Festival negli USA. Nel 2016 è tornata in Italia per studiare al "Conservatorio di Giuseppe Verdi" di Milano, dove ha interpretato il ruolo di Zerlina nel "Don Giovanni" di Mozart e Susanna ne "Le nozze di Figaro" al Teatro dal Verme di Milano. Durante i suoi studi al Mozarteum di Salisburgo ha incarnato i ruoli di Costanza in "Les Dialogoues de Carmelites" e Frasquita in "Carmen".  Nel marzo 2019 e nel gennaio 2020, si è esibita come Nannetta nel "Falstaff" di Verdi al Teatro dell'Opera di Kosice in Slovacchia. Nel 2019, Amélie ha debuttato come Pamina in "Die Zauberflöte" di Mozart al MuTh Theater di Vienna, sala concerti del Vienna Boys' Choir. Nello stesso anno, si è esibita come Zerlina in "Don Giovanni" al festival all'aperto Passion Artists. Nel maggio 2019, ha anche debuttato come solista al Musikverein di Vienna come parte dei "Giovani artisti emergenti" con la clarinettista Vera Karner e il contrabbassista Dominik Wagner. "Radio Klassik Wien" l'ha nominata "giovane artista di maggior successo dell'Austria" nel 2019. Amélie ha già lavorato con direttori d'orchestra come Christian Tielemann, Aaron Carpene e Vinicius Kattah. A luglio e agosto 2021, ha fatto il suo debutto barocco, cantando il ruolo di Renoppia in "La Secchia rapita" di Salieri al Festival estivo del Castello di Schönau in Austria. Una prima mondiale sotto la direzione musicale di Manfred Schiebel. Nel novembre 2021, canterà il suo debutto asiatico come Pamina in "Die Zauberflöte" al festival all'aperto "Mozart at Angkor" in Cambogia. Con Stefano Vizioli come direttore, Aaron Carpene come direttore, Paolo Fanale come Tamino e Giorgio Caoduro come Papageno. Questo festival è stato riconosciuto da BBC News come uno dei migliori e più importanti festival d'opera.

Amélie ha frequentato diversi corsi di perfezionamento e ha lavorato con molti cantanti lirici famosi come Barbara Bonney, Christa Ludwig, Mirella Freni, Silvana Bartoli, Renate Holm e Ramon Vargas.

uk flag

Winner of the Third Prize and the Audience Award at the 2018 International Nico Dostal Competition in Vienna and finalist of the 2020 “Future Voices” Competition with Elina Garanca and Karel Mark Chichon. Amélie graduated from MDW (Music University Vienna) in 2013 as a double bassist and from Mozarteum Salzburg in 2018, where she studied with Michele Crider, as a singer and actress. She started singing at a young age in the Children’s Choir of the Vienna State Opera, where she already performed as a soloist and sang, among others, the Shepherd Boy in Puccini’s “Tosca”. Her first role ever was in 2011 as Rowan in “The little Sweep” by Benjamin Britten in the “Children’s Tent” of the Vienna State Opera. In 2013, she made her operatic debut there as Bastienne in “Bastien und Bastienne” by Mozart. In 2014, at the age of only 19, she sang the role of Gretel in Humperdinck’s “Hansel and Gretel” at the Miami Summer Music Festival in the USA. In 2016, she moved back to Italy to study at the “Conservatorio di Giuseppe Verdi” in Milan, where she interpreted the role of Zerlina in Mozart’s “Don Giovanni” and Susanna in “Le nozze di Figaro” at the Teatro dal Verme di Milano. During her studies at the Mozarteum Salzburg she embodied the roles of Constance in “Les Dialogoues de Carmelites” and Frasquita in “Carmen”. In March 2019 and January 2020, she performed as Nannetta in Verdi’s “Falstaff” at the Kosice Opera House in Slovakia. In 2019, Amélie made her debut as Pamina in Mozart’s “The Magic Flute” at the MuTh Theater in Vienna, Concert Hall of the Vienna Boys’ Choir. In the same year, she performed as Zerlina in “Don Giovanni” at the Passion Artists open-air festival. In May 2019, she also made her debut as a soloist at the Vienna Musikverein as part of the “Young Emerging Artists” with clarinetist Vera Karner and double bassist Dominik Wagner. “Radio Klassik Wien” named her “Austria’s most successful young artist” in 2019. Amélie has already worked with conductors such as Christian Tielemann, Aaron Carpene and Vinicius Kattah. In July and August 2021, she gave her baroque debut, singing the role of Renoppia in Salieri’s “La Secchia rapita” at the Schönau Castle Summer Festival in Austria. A world premiere under the musical direction of Manfred Schiebel. In November 2021, she will sing her Asian debut as Pamina in “The Magic Flute” at the open-air festival “Mozart at Angkor” in Cambodia. With Stefano Vizioli as director, Aaron Carpene as conductor, Paolo Fanale as Tamino and Giorgio Caoduro as Papageno. This festival has been recognized by BBC News as one of the best and most important opera festivals.
Amélie has attended many different master classes and worked with many renowned opera singers such as Barbara Bonney, Christa Ludwig, Mirella Freni, Silvana Bartoli, Renate Holm and Ramon Vargas.